Altro

Torretta di melanzane, bresaola della Valtellina IGP e pesto di capperi

Siamo soliti associarla alla leggerezza. Per qualcuno è un letterale salvacena soprattutto se si torna a casa stremati dopo 10 ore di lavoro con nessuna voglia di mettersi ai fornelli. Per la sottoscritta è la giusta risposta alla richiesta di un pasto bilanciato e nutriente dopo un’impegnativa lezione di nuoto (a 30 anni ho deciso di vincere la paura dell’acqua e sì, ci sto riuscendo) in quanto nella bresaola sono presenti valina, leucina e isoleucina aminoacidi fondamentali per “nutrire” le fibre muscolari e per reintegrare il fabbisogno proteico. Possono mangiarla tutti, adulti, anziani e bambini. È digeribile, indicata nelle diete (la prova costume di avvicina) e ricca di proteine nobili, vitamine (specie B12) e minerali come ferro, potassio e zinco, povera di grassi e la dose consigliata è di 5-6 fette 3-4 volte alla settimana. La amiamo e la consumiamo spesso noi italiani, ma sempre allo stesso modo. E così stufa del solito buonissimo abbinamento con rucola, grana e limone (la bresaola non contiene calcio, carboidrati e vitamina D presenti invece negli altri ingredienti con i quali solitamente viene servita) ho studiato una ricetta veloce da preparare e allo stesso tempo gustosa e bilanciata nutrizionalmente. Avevo voglia di verdure ma anche di qualcosa di cremoso e ho optato per il mio amato formaggio caprino (più digeribile rispetto a quello vaccino e ricco di acidi grassi che aiutano a combattere il colesterolo). Non mancano frutta secca, olio evo e un delicatissimo pesto fatto con i capperi che ho preso a Salina la scorsa settimana.

634

Qui è piaciuta molto…Provatela anche voi 🙂

Torretta di melanzane con bresaola della Valtellina IGP, caprino e pesto di capperi 

Ingredienti per 4 persone
600g di melanzane a fette spesse circa 8mm
180g di formaggio caprino fresco spalmabile
120g di bresaola della Valtellina IGP
Per il pesto di capperi
35g di capperi di Salina sotto sale
15 g di mandorle pelate
1/2 spicchio di aglio
2 foglie di basilico
10g di parmigiano reggiano
olio extravergine di oliva q.b.
pane per servire

Procedimento
Dissalate i capperi in 70g di acqua a temperatura ambiente per 12 ore cambiando l’acqua due volte. Nel bicchiere di un frullatore ad immersione versate i capperi scolati, le mandorle, l’aglio, le foglie di basilico lavate e tamponate e il parmigiano. Iniziate a frullare unendo l’olio a filo e cercate di ottenere un pesto omogeneo. Con una forchetta lavorate il formaggio caprino fino a renderlo cremoso. Grigliate le fette di melanzane. Disponete su 4 piatti una fetta di melanzana grigliata. Spalmatevi sopra il formaggio, proseguite con una fetta di bresaola e il pesto di capperi. Proseguite con così fino a formare delle torrette. Completate con foglioline di basilico e servite.

641

Sara

Sara, 36 anni, instancabile curiosa. Dicono che parlo troppo e dormo troppo poco. Nel 2010 ho deciso di aprire il sito L’Appetito Vien Leggendo come blog di cucina, mia grande passione insieme a scrittura, viaggi e fotografia. Vivo a Milano, ma vengo dalla campagna. Se fossi uno dei sette peccati capitali, non potrei impersonificare altri che la gola. Da bravo sagittario (ascendente sagittario) vivo con il trolley a portata di mano e mi troverete sempre pronta per l’ennesimo viaggio alla scoperte delle ricchezze enogastronomiche di ogni paese. Nella vita sono una freelance. Collaboro con aziende legate al mondo food&beverage (Carrefour, Fairy, Pan di Stelle, Electrolux, Sanbittèr, Barilla, Cinzano…per citarne alcune) e sono contributor per il sito de La Cucina Italiana. Mi occupo di food writing, food styling, editing, food photography, sviluppo di ricette, test di nuovi prodotti, conduzioni tv e mi diverto ad intervistare gli Chef. Sono una social media addicted e mi trovate sempre connessa!


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri Sara

Sara, 36 anni, instancabile curiosa. Dicono che parlo troppo e dormo troppo poco. Nel 2010 ho deciso di aprire il sito L’Appetito Vien Leggendo come blog di cucina, mia grande passione insieme a scrittura, viaggi e fotografia. Vivo a Milano, ma vengo dalla campagna. Se fossi uno dei sette peccati capitali, non potrei impersonificare altri che la gola. Da bravo sagittario (ascendente sagittario) vivo con il trolley a portata di mano e mi troverete sempre pronta per l’ennesimo viaggio alla scoperte delle ricchezze enogastronomiche di ogni paese. Nella vita sono una freelance. Collaboro con aziende legate al mondo food&beverage (Carrefour, Fairy, Pan di Stelle, Electrolux, Sanbittèr, Barilla, Cinzano…per citarne alcune) e sono contributor per il sito de La Cucina Italiana. Mi occupo di food writing, food styling, editing, food photography, sviluppo di ricette, test di nuovi prodotti, conduzioni tv e mi diverto ad intervistare gli Chef. Sono una social media addicted e mi trovate sempre connessa!