Dolci

Strudel di mele con pasta frolla

Succede. Può succedere che tu partecipi ad un evento e torni a casa con un kit per uno strudel con frolla fai da te con tanto di ingredienti pesati e ricetta da seguire più o meno alla lettera. La riporto qui sotto e non state ad obiettare che lo strudel è un dolce invernale. Per apprezzarlo durante tutto l’anno sarà sufficiente far stazionare nel vostro freezer una vaschetta di buon gelato alla vaniglia…

1202
Strudel con pasta frolla
Per la pasta frolla 
125 gr di zucchero
125 gr di burro
250 gr di farina 00
1 uovo
buccia grattugiata di 1/2 limone
1 cucchiaio di latte
semi di 1/2 bacca di vaniglia
1 pizzico di fior di sale
1 cucchiaino di lievito in polvere
Per il ripieno 
450 gr di mele
40 gr di zucchero semolato
40 gr di pane grattugiato
35 gr di uva sultanina
20 gr di pinoli
2 cucchiai di rum
cannella in polvere
buccia grattuggiata di 1/2 imone
semi di 1/2  bacca di vaniglia
Inoltre 
1 tuorlo
zucchero a velo
Procedimento 
Sbucciare le mele ed eliminare i noci. Tagliarle a fette molto sottili. Unirvi lo zucchero, il pangrattato, l’uva sultanina, i pinoli, il rum, i semi di vaniglia, la cannella e la scorza di limone. Mescolare bene e lasciar riposare a temperatura ambiente.
In una ciotola impastare velocemente il burro, lo zucchero, la scorza di limone e i semi di vaniglia fino ad ottenere un impasto omogeneo. Aggiungere l’uovo e il latte e infine la farina setacciata con il lievito. Formare una palla, ricoprirla con la pellicola traspatente e far riposare la frolla in frigo per almeno 30 minuti(la frolla può essere realizzata anche con un giorno di anticipo).
Preriscaldare il forno a 180°.
Su una spianatoia infarinata stendere la pasta frolla facendole assumere una forma rettangolare.
Trasferire la frolla in una leccarda ricoperta di carta da forno.
Posizionare sopra alla frolla il ripieno di mele e ripiegare lo strudel. Spennellare lo strudel con il tuorlo e cuocere in forno caldo per circa 35 minuti.
Sfornare, lasciar intiepidire e prima di servire spolverare con lo zucchero a velo.
1168

Sara

Sara, 36 anni, instancabile curiosa. Dicono che parlo troppo e dormo troppo poco. Nel 2010 ho deciso di aprire il sito L’Appetito Vien Leggendo come blog di cucina, mia grande passione insieme a scrittura, viaggi e fotografia. Vivo a Milano, ma vengo dalla campagna. Se fossi uno dei sette peccati capitali, non potrei impersonificare altri che la gola. Da bravo sagittario (ascendente sagittario) vivo con il trolley a portata di mano e mi troverete sempre pronta per l’ennesimo viaggio alla scoperte delle ricchezze enogastronomiche di ogni paese. Nella vita sono una freelance. Collaboro con aziende legate al mondo food&beverage (Carrefour, Fairy, Pan di Stelle, Electrolux, Sanbittèr, Barilla, Cinzano…per citarne alcune) e sono contributor per il sito de La Cucina Italiana. Mi occupo di food writing, food styling, editing, food photography, sviluppo di ricette, test di nuovi prodotti, conduzioni tv e mi diverto ad intervistare gli Chef. Sono una social media addicted e mi trovate sempre connessa!


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri Sara

Sara, 36 anni, instancabile curiosa. Dicono che parlo troppo e dormo troppo poco. Nel 2010 ho deciso di aprire il sito L’Appetito Vien Leggendo come blog di cucina, mia grande passione insieme a scrittura, viaggi e fotografia. Vivo a Milano, ma vengo dalla campagna. Se fossi uno dei sette peccati capitali, non potrei impersonificare altri che la gola. Da bravo sagittario (ascendente sagittario) vivo con il trolley a portata di mano e mi troverete sempre pronta per l’ennesimo viaggio alla scoperte delle ricchezze enogastronomiche di ogni paese. Nella vita sono una freelance. Collaboro con aziende legate al mondo food&beverage (Carrefour, Fairy, Pan di Stelle, Electrolux, Sanbittèr, Barilla, Cinzano…per citarne alcune) e sono contributor per il sito de La Cucina Italiana. Mi occupo di food writing, food styling, editing, food photography, sviluppo di ricette, test di nuovi prodotti, conduzioni tv e mi diverto ad intervistare gli Chef. Sono una social media addicted e mi trovate sempre connessa!

  1. Chiarapassion Giugno 12, 2013 at 9:59 am - Reply

    Lo strudel di mele lo adoro e quello preparato da te è super invitante, complimenti per la ricetta e le foto!
    Enrica di Chiarapassion

  2. Arianna Giugno 12, 2013 at 10:04 am - Reply

    Ciao,

    ti ho scoperto grazie al Blog di Claudia del Gatto Goloso. Ti faccio davvero i complimenti perché hai davvero uno stile che mi piace molto. Minimal e con le foto calde ed un po’ nostalgiche.

    Sono capitata proprio sul post giusto, dato che anche io amo lo strudel 365 giorni all’anno e l’ho preparato e postato di recente!

    Se vuoi passare da me, mi farebbe piacere.
    http://conlemaninelsacher.blogspot.it/

    Ciao
    Arianna

    • saramilletti Giugno 18, 2013 at 9:28 pm - Reply

      Benvenuta Arianna! Grazie per essere passata!
      A presto.

  3. elenuccia Giugno 12, 2013 at 2:15 pm - Reply

    Non ho certo problemi sul fatto che lo strudel sia invernale. Io lo mangerei anche con 40 gradi all’ombra, lo adoro e trovo che sia uno dei dolci piu’ buoni

  4. Vale@Lattealcioccolato Giugno 18, 2013 at 10:18 am - Reply

    Capito quì per la prima volta e cosa trovo? Un post dedicato alle cose buone della mia terra! 😀
    Mi viene anche un po’ da ridere perchè due mesi fa la mia migliore amica ha fatto il ricevimento di matrimonio al Castel Ringberg 😀
    Strudel über Alles! 😀 Un bacione

    • saramilletti Giugno 18, 2013 at 9:17 pm - Reply

      Mi verrebbe da dire che sei capitata nel posto giusto ;)! Grazie e un bacio anche a te!