Antipasti

Da Favignana con amore…[e con la tartare di tonno]

“Il vento è a 20 nodi e il mare grosso. Non so se l’aliscafo riuscirà a partire. Siediti pure(come se fossi stata stanca). Non appena avrò novità ti aggiornerò…”. E ad ingannarmi c’era un sole prepotente ma evidentemente non abbastanza.
Mi sarei consolata eh…Tanto ero a Marsala, a due passi da Trapani, terreno vergine tutto da scoprire per la sottoscritta…

“In certi posti non si va fuori stagione”. Esattamente le parole che mi sarei voluta sentir dire dopo le peripezie fatte per poter sfoggiare un costume il 28 di aprile.
Me l’immaginavo bella. Calda. Soleggiata. Colorata. Selvaggia. Ma in quanto ad immaginazione devo dire di non essere mai stata troppo sul pezzo…

La chiamano la Farfalla delle Egadi e ammetto che Favignana con i suoi colori e con le sue brioche con (giusto un filino di) crema al pistacchio è capace di farvi dimenticare le montagne russe in aliscafo…E sappiate che fuori stagione(ma non troppo) da il meglio di sé (noi lo sospettavamo e i “locals” ce ne hanno dato conferma).
Cale con colori degni di una palette da mille e una tonalità e cielo che riflette le stesse sfumature turchine. Costruzioni bianche, sole alto che riscalda le rocce, pace e tranquillità.
Affittare le biciclette può essere la chiave di volta della vacanza…Potrete pedalare in canotta, pantaloncini e infradito (con lo scooter avreste freddo) e spostarvi più volte durante la giornata senza problemi di parcheggio, orario dell’autobus (Tarantola Bus che in bassa stagione effettua corse fino alle 16.30 o giù di lì) e stradine impervie…

Da non perdere le Cale: Bue Marino (la sera può capitare di addormentarsi con il blu del mare ancora negli occhi), Cala Rossa, Cala Azzurra e Lido Burrone.

All’ora del tramonto è d’obbligo il pellegrinaggio a Punta Sottile. Complice un faro e l’orizzonte, vorreste che il sole non tramontasse mai…
Vi è venuta voglia di partire?!
Dove dormire: Favignana Hotel / Residence Orsola (noleggio biciclette 2€/gg)
Dove Mangiare: Ristorante Pizzeria La Tavernetta (non perdete il cous cous di pesce) / Trattoria La Bettola / Trattoria Due Colonne (non fate i timidi e mangiate tartare di tonno a volontà)
 
Colazione/Cocktail Bar: Bar Aegusa (per colazione consigliatissimi anche i dolci delle panetterie)
Mentre per la tartare di tonno rosso (la specialità dell’isola) potrete ispirarvi alla mia ricetta…Io la sto replicando nell’attesa che il mal di Favignana passi…
Tartare di tonno con frutto della passione
Mia ricetta tratta dal Libro Omega Me 
Ingredienti per 4 persone
240 gr di tonno fresco in tranci
succo di mezzo lime
1 cucchiaio di olio evo
fior di sale
2 frutti della passione(140 gr di polpa)
10 gr di senape in grani
pepe bianco
Procedimento
Emulsionare insieme l’olio evo, il succo del lime, il sale, il pepe macinato e la senape in grani.
Estrarre il tonno dal frigo e con un coltello preferibilmente in ceramica)ridurlo a piccoli pezzi.
Raccogliere il tonno in una ciotola e versarvi sopra l’emulsione. Mescolare bene e riporre il tonno in frigo per almeno 20 minuti.
Al momento di servire dividere il tonno in quattro ciotole monoporzione e servirlo insieme a mezzo frutto della passione.
English version of the recipe 

Tuna Tartare with Passion Fruit
My recipe from the book Omega Me 
Serves: 4
240 gr of fresh tuna
juice of half a lime
1 tablespoon extra virgin olive oil
salt
2 passion fruit (140 gr of pulp)
10 gr of mustard seeds
white pepper

Directions
Whisk together olive oil, lime juice, salt, pepper and mustard seeds.
Remove the tuna from the fridge and with a knife(ceramic knife will be ok) chop it to small pieces.
Put the tuna in a bowl and season with the juice. Mix well and place the tartare in the fridge for at least 20 minutes.

Just before serving, divide the tuna into four glass bowls and serve with half a passion fruit.

Sara

Buona forchetta, blogger, aspirante sommelier e content creator sono un’instancabile curiosa. Per professione collaboro con numerose aziende legate al food, beverage e travel occupandomi di food writing, food styling, editing, food photography, tour enogastronomici e interviste agli chef. Social media addicted, mi trovate sempre connessa!


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri Sara

Buona forchetta, blogger, aspirante sommelier e content creator sono un’instancabile curiosa. Per professione collaboro con numerose aziende legate al food, beverage e travel occupandomi di food writing, food styling, editing, food photography, tour enogastronomici e interviste agli chef. Social media addicted, mi trovate sempre connessa!

  1. Mariabianca Maggio 14, 2014 at 8:04 pm - Reply

    Ah la mia Favignana!!
    Grazie per questo bel post.

  2. Chiara Setti Maggio 15, 2014 at 5:49 am - Reply

    Ci sono stata due anni fa, purtroppo solo per un giorno ma….mi è rimasta nel cuore!!!!

  3. elenuccia Maggio 15, 2014 at 7:18 am - Reply

    Che foto stupendissime!!! sopratutto quella della brioche strapiena di crema al pistacchio 😉

    • saramilletti Maggio 15, 2014 at 6:49 pm - Reply

      Ma Grazie! Le ho scattate con il mio fedele Iphone 😉