In viaggio

“Dieci vigne, sei case, una chiesa” ovvero #LangheRoero2012

In perfetto ritardo come sempre(ma in qualche modo dovrò pur distinguermi, o no?!) dopo che (quasi) tutti i  blogger di food&wine che erano ospiti come me(poi ci hanno divisi eh, anche perché mica potevamo andare in giro con il capogruppo munito di bandierina…E poi le Langhe hanno così tanto da offrire, a chi le scopre per la prima volta e anche a chi è un habitué, che è stato un bene dividerci e differenziare i nostri tour(de force :-)) ) hanno già dedicato uno o più post al riguardo e quando forse non resta più molto da aggiungere, eccomi che arrivo io con l’immodesta presunzione di coinvolgervi in questo viaggio a suon di punti chiave e immagini.
210

Partirei con la corsa all’ultimo #Hashtag. Stiamo diventando sempre più tecnologici e questo i blogger lo sanno bene. Ai tempi in cui ci si presenta con la domanda “What’s your name Twitter?!”(questa-non-la-volevamo-sentire) il minimo che avessimo potuto fare era inviare dei segnali di fumo “cinguettii” per aggiornarvi con un max di 140 battute più o meno indicizzate, circa le nostre attività(quando la rete ce lo permetteva, quindi se decidete di trascorrere qualche giorno in questo paradiso, potrete anche utilizzare la scusa del “non c’era campo” per scomparire per il resto del mondo ;-)) sperando di aver fatto cosa gradita!

Una menzione speciale la merita la parola Acqua e non mi riferisco solo a quella piovana, che ci ha fedelmente e “umidamente” supportati in quasi tutti i giorni di permanenza, ma anche e soprattutto a quella potabile e senza bollicine che prima di questo tour era la mia unica compagna durante i pasti. Ora non la trovo più molto soddisfacente e la principale responsabilità la devo addossare ad Emanuele della cantina Prunotto. Da perfetto accompagnatore, ci ha guidate nella meravigliosa cantina tra botti di rovere e barriques e in una degustazione partita a suon di Dolcetto d’Alba, Monpertone, Barbera d’Alba, Nebbiolo, per poi terminare con un Barolo del 2006!
Un bel traguardo il suo, se si considera che quasi tutte le componenti del mio gruppo(ribattezzate in seguito a questo incontro le #sbevazzine) millantavano di essere astemie o giù di lì. A cose fatte posso dire di essere sempre più convinta che la coerenza è tutto nella vita, ma anche che solo gli stupidi non cambiano mai idea ;-)(e se vedete qualche foto storta sappiate che è solo perchè stavo sperimentando una nuova tecnica ;-))!
150
171
161
174
187
191
202
Vi suona nuovo il termine Bistrò di Paese? Ebbene una targa all’interno della Trattoria Belvedere di Serravalle Langhe, recitava così. Un’osteria a conduzione famigliare, con ricette blindatissime tramandate da quattro generazioni che rappresenta una mecca per chi vuole assaggiare la cucina piemontese tradizionale. E dagli affamati commensali dell’allegra brigata blogger&co. non so cosa sia stato più gradito tra l’insalatina di Tuma, il Coniglio Dous e Brusa(un coniglio dolce e piccante “così tenero che si tagliava con un grissino”), i semolini dolci fritti o la mitica torta di nocciole servita con zabaione caldo per il quale c’è scappato anche il ripassino della signora Laura con tanto di pentolino in sala :-)(vi farei anche notare sotto le dimensioni della porzione e sappiate che in nessun piatto era rimasta alcuna briciola :-). Quando si dice essere foodies di nome e di fatto!).
236
232
252
E ora ditemi, con la parola Bra rischio di sfondare una porta aperta, giusto?! Banca del Vino, Università delle Scienze Gastronomiche, ristorante Guido e la sede di Slow Food tutto in uno(o meglio due se si considera la dislocazione delle prime tre presso la frazione Pollenzo)!
Noi siamo tornate via da Bra con un autentico Mac ‘d Bra in pancia e con in borsa le dosi per replicare gli agnolotti rigorosamente al Plin di Lidia Alciati(definita dal New York Times “La Madonna degli Agnolotti”) mamma dello Chef Ugo che come da (fuori)programma ci ha accolte nella sua cucina per un caffè e quattro(anzi forse anche cinque) chiacchiere!
201
144
149
173
189
231
 
228
237
238
249
“Un viaggio deve emozionare”. Con queste parole ci ha congedate Maurilio, Chef del ristorante La Ciau del Tornavento dopo averci aperto le porte del suo ristorante, della sua cucina, del suo orto, di una delle quattro camere della sua locanda e del suo Caveau(un vero e proprio Caveau con tanto di combinazione) locato nella sua cantina con 55.000 bottiglie…
278
265
284
6
15
43
41
671
87
84
33
34
30

94

105

109

120-plin-di-seirass

124

Una tre giorni intensa ed emozionante resa ancor più allegra dalle mie fide compagne di avventura(Claudia, Monica, Elena ed Elisa) con le quali è stato feeling fin dal primo Tweet!
E l’ultima doverosa parola che mi preme utilizzare in questo post è Grazie! Grazie all’Ente del Turismo LangheRoero, alla cantina Prunotto, a Francesca e Clio, Paola e Carlo perchè se sono riuscita ad emozionarmi, è soprattutto GRAZIE a loro!

Sara

Buona forchetta, blogger, aspirante sommelier e content creator sono un’instancabile curiosa. Per professione collaboro con numerose aziende legate al food, beverage e travel occupandomi di food writing, food styling, editing, food photography, tour enogastronomici e interviste agli chef. Social media addicted, mi trovate sempre connessa!


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri Sara

Buona forchetta, blogger, aspirante sommelier e content creator sono un’instancabile curiosa. Per professione collaboro con numerose aziende legate al food, beverage e travel occupandomi di food writing, food styling, editing, food photography, tour enogastronomici e interviste agli chef. Social media addicted, mi trovate sempre connessa!

  1. Passiflora Maggio 15, 2012 at 8:14 am - Reply

    ciao cara, le tue foto sono meravigliose, hai condensato perfettamente l’esperienza del viaggio e soprattutto.. del cibo! alla prossima

  2. Tery B Maggio 15, 2012 at 8:42 am - Reply

    Che meraviglia Sara!!! Davanti a questo spettacolo penso solo una cosa: Che mi sono persa!!!!

    • saretta m. Maggio 19, 2012 at 8:32 pm - Reply

      Sono certa che anche il mare ti ha dato tanto…Però certo che un bicchiere alla nostra me lo sarei bevuto volentieri ;)!

  3. Monica - Un biscotto al giorno Maggio 15, 2012 at 8:54 am - Reply

    Bel reportage sbevazzina mia! Baci baci

  4. Lizzy Maggio 15, 2012 at 11:55 am - Reply

    Cara sbevaz … ehm Sara, per qualche minuto mi è sembrato di stare in questi posti magici! 🙂
    Un bacio grande!

  5. La Femme du Chef Maggio 15, 2012 at 12:39 pm - Reply

    Cara Sara, hai centrato in pieno l’essenza del nostro viaggio insieme: emozioni, risate, hashtag (e vino bien sûr!).
    grazie per la foto da Alice persa nell’orto di Maurilio, ho pensato seriamente di restare lì 🙂
    a presto per il prossimo giro, il club delle #sbevazzine non si ferma
    baci
    Claudia

    • saretta m. Maggio 19, 2012 at 8:29 pm - Reply

      Se ci fermassimo saremmo perdute! Vedi la degustazione con Oltolini ;)!

  6. Meggy Maggio 15, 2012 at 12:41 pm - Reply

    Complimenti per queste splendide immagini! :*

  7. lucy Maggio 15, 2012 at 1:10 pm - Reply

    si puo’che a quest’ora mi fai venire fame?!!!!!

  8. nena Maggio 15, 2012 at 2:25 pm - Reply

    la foto con la mia mano che apre il caveau di maurilio garola la vorrei proprio 😛
    grazie anche a te saretta, speriamo di rivederci presto qui a milano. anzi, quando vieni a trovarci? 🙂

    • saretta m. Maggio 19, 2012 at 8:27 pm - Reply

      Ma certo sbevazzina, per la serie “abbiamo le prove” ;)! Un bacio

  9. Stefania Maggio 15, 2012 at 3:55 pm - Reply

    Che meraviglia questo post
    bravissima ciao

  10. Marina Maggio 15, 2012 at 7:44 pm - Reply

    In ritardo ma con un perfetto racconto 😉
    Le foto sono bellissime e anche tu, bacione

    • saretta m. Maggio 19, 2012 at 8:26 pm - Reply

      Grazie Marina! Un piacere averti conosciuta :)! Spero ci saranno altre occasioni! Un bacio anche a te!

  11. Anonymous Maggio 16, 2012 at 4:00 pm - Reply

    Quando vedo i post sulle Langhe sui blog penso sempre alla stessa cosa: quello che fino agli anni ’60 era un posto duro e inospitale dominato da una mentalità crudele, dal quale la gente scappava per andare a lavorare a Torino o all’estero, ora è diventato un posto super chic. Io non riesco a vederlo così bello, perchè penso sempre ai racconti di famiglia e alle descrizioni di mio nonno. Elena

    • saretta m. Maggio 19, 2012 at 8:25 pm - Reply

      Vedi Elena l’hai scritto tu stessa che tu non riesci a considerare le Langhe un posto così bello per dei motivi personali, ma per me che sono una turista appassionata di food&wine le Langhe non possono che rappresentare un paradiso. Mi spiace comunque venire a conoscenza di tale passato tutt’altro che ameno che ignoravo. Un abbraccio

  12. Gio Maggio 17, 2012 at 6:20 pm - Reply

    che bello anche il tuo reportage 🙂
    e che belle foto!