Antipasti

Antipasti di Natale veloci e gustosissimi senza accendere il forno

Preparazione

Difficoltà: Media
Preparazione: 60 min
Cottura: 20 min
Dosi: 4 persone

Misti, scenografici e possibilmente veloci da fare. Si tratta degli antipasti di Natale che hanno il compito di avviare il pasto senza saziare troppo. Solitamente sono sia di terra che di mare e si tratta quasi sempre di portate particolarmente sfiziose. Qui ve ne propongo che si preparano senza nemmeno accendere il forno utilizzando delle speciali conserve piemontesi: carciofini e funghi porcini sott’olio.

Come utilizzare in cucina i carciofini sott’olio

Potete utilizzare i carciofini sott’olio per creare degli spiedini finger food alternando su un piccolo spiedo in legno un carciofino, una fatta di prosciutto crudo dolce e un pomodoro secco. Oppure potete cucinare deliziosi crostini con il salmone dei quali trovate la ricetta!

Crostini con mousse di salmone e carciofini sott’olio
Ingredienti per 4 persone
150 g di carciofini sott’olio Ghiotto Galfrè
100 g di formaggio spalmabile tipo robiola
50 g di salmone affumicato
50 g di panna acida
1 baguette

Procedimento
Tagliate grossolanamente il salmone e mettetelo in un cutter aggiungendo la panna acida e la robiola. Frullate fino ad ottenere una mousse liscia e omogenea. Trasferite il composto in una ciotola, coprite con pellicola trasparente e lasciate riposare e rassodare in frigo per almeno un’ora.
Sgocciolate bene i carciofini quindi divideteli prima a metà e poi a spicchi. Tagliate la baguette a fette spesse all’incirca 1 cm. Trasferite la mousse di salmone in una sac à poche equipaggiata con una bocchetta liscia e farcite i crostini. Completate con uno spicchio di carciofino su ciascun crostino e servite.

Cosa cucinare con i funghi porcini sott’olio

I funghi porcini sott’olio sono una conserva particolarmente pregiata da gustare al naturale. Se volete comunque provare degli abbinamenti il mio consiglio è di assaggiarli in accompagnamento ad un tataki di tonno scottato oppure, se li preferite con la carne, non c’è nulla di meglio di un carpaccio di manzo con i funghi porcini sott’olio.

Carpaccio con funghi porcini sott’olio
Ingredienti per 4 persone
400 g di filetto di manzo tagliato a fettine molto sottili
290 g di funghi porcini sottolio Ghiotto Galfrè
Parmigiano Reggiano DOP 24 mesi q.b.
60 g di rucola
olio extra vergine di oliva
sale

Procedimento
Sgocciolate bene i funghi porcini dal loro liquido di conservazione quindi tagliateli a fette. Con un coltello affetta formaggio ricavate scaglie di Parmigiano Reggiano DOP. Lavate la rucola e asciugatela. In un piatto da portata sistemate la carne cruda disponendo le fettine una di fianco all’altra sovrapponendole leggermente. Mettete sopra i funghi, la rucola, le scaglie di Parmigiano Reggiano DOP e condite con olio evo emulsionato con il sale. Servite subito.

Antipasti di Natale con ingredienti di qualità

Per realizzare le ricette degli antipasti di Natale ho utilizzato pochi ingredienti ma di altissima qualità e alcuni sono dell’Azienda Storica Ghiotto Galfrè che nasce in Piemonte nel 1901 e da allora la cura nella produzione dei prodotti e il packaging sono rimasti invariati.

Il logo dell’azienda Ghiotto Galfrè, vintage e rassicurante, ritrae una contadinella piemontese intenta a raccogliere i funghi con il Monviso alle spalle. Pare infatti che in passato fossero proprio le donne ad andare nei prati e nei boschi a cercare e raccogliere i funghi migliori per poi trasformarli in ghiotte conserve.
Tra le specialità, che vengono prodotte come si faceva una volta dall’Azienda Ghiotto Galfrè, ci sono gli antipasti alla piemontese, i funghi secchi, le creme, i condimenti con un particolare focus per i funghi porcini sott’olio e i carciofini.

I carciofini sott’olio sembrano fatti in casa. Saporitissimi, croccanti, teneri e semplicemente deliziosi! La materia prima sono carciofi italiani di alta qualità. Vengono puliti, sbollentati in acqua e aceto, inseriti a mano nei vasi di vetro e coperti con un buon olio d’oliva. A seguire subiscono un breve processi di pastorizzazione che permette all’azienda la possibilità di non utilizzare conservanti.

I funghi porcini sott’olio di Ghiotto Galfrè vengono selezionati a mano da esperte cernitrici, puliti con un coltellino liscio, tagliati, sbollentati con un pò di aceto secondo la tipica tradizione conserviera del Piemonte e confezionati a mano sott’olio di oliva. Li trovate sul loro sito in diversi formati e possono essere acquistati comodamente on line.

Se volete fare la scorta dei prodotti artigianali di Ghiotto Galfrè o state pensando a regali gourmet per i vostri cari vi consiglio, durante gli acquisti sul loro sito di approfittare dello sconto del 10% inserendo il codice sconto SARA10.

Preparazione

Difficoltà: Media
Preparazione: 60 min
Cottura: 20 min
Dosi: 4 persone

Sara

Sara, 36 anni, instancabile curiosa. Dicono che parlo troppo e dormo troppo poco. Nel 2010 ho deciso di aprire il sito L’Appetito Vien Leggendo come blog di cucina, mia grande passione insieme a scrittura, viaggi e fotografia. Vivo a Milano, ma vengo dalla campagna. Se fossi uno dei sette peccati capitali, non potrei impersonificare altri che la gola. Da bravo sagittario (ascendente sagittario) vivo con il trolley a portata di mano e mi troverete sempre pronta per l’ennesimo viaggio alla scoperte delle ricchezze enogastronomiche di ogni paese. Nella vita sono una freelance. Collaboro con aziende legate al mondo food&beverage (Carrefour, Fairy, Pan di Stelle, Electrolux, Sanbittèr, Barilla, Cinzano…per citarne alcune) e sono contributor per il sito de La Cucina Italiana. Mi occupo di food writing, food styling, editing, food photography, sviluppo di ricette, test di nuovi prodotti, conduzioni tv e mi diverto ad intervistare gli Chef. Sono una social media addicted e mi trovate sempre connessa!


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri Sara

Sara, 36 anni, instancabile curiosa. Dicono che parlo troppo e dormo troppo poco. Nel 2010 ho deciso di aprire il sito L’Appetito Vien Leggendo come blog di cucina, mia grande passione insieme a scrittura, viaggi e fotografia. Vivo a Milano, ma vengo dalla campagna. Se fossi uno dei sette peccati capitali, non potrei impersonificare altri che la gola. Da bravo sagittario (ascendente sagittario) vivo con il trolley a portata di mano e mi troverete sempre pronta per l’ennesimo viaggio alla scoperte delle ricchezze enogastronomiche di ogni paese. Nella vita sono una freelance. Collaboro con aziende legate al mondo food&beverage (Carrefour, Fairy, Pan di Stelle, Electrolux, Sanbittèr, Barilla, Cinzano…per citarne alcune) e sono contributor per il sito de La Cucina Italiana. Mi occupo di food writing, food styling, editing, food photography, sviluppo di ricette, test di nuovi prodotti, conduzioni tv e mi diverto ad intervistare gli Chef. Sono una social media addicted e mi trovate sempre connessa!